Un giorno al circo - Circo acquatico Bellucci -

La massa che ci pilota

Ormai ci stiamo abituando ad obiettare su ogni cosa... Si obietta per una galleria, si obietta per una nuova costruzione, si obietta contro il cibo. Magari lo si fa anche giustamente, ma come mi capita spesso a volte indago sui comportamenti sociali di massa e quando vedo persone in protesta cerco di capire contro cosa si protesta e cerco soprattutto di capire se chi è la per protestare, sa cosa protesta. E cosi ogni volta che tiro fuori la fatidica domanda: "Scusami, non sono della zona, cosa succede?", arriva sempre la risposta "Guarda non lo so con precisione, però è una cosa contro quel ponte che vogliono costruire la...". Poi io continuo: "Ah bene, e che cosa ha che non va quella costruzione?", arriva la solita risposta: "Guarda non lo so, però ci dovevamo riunire qui, perche non possono fare come gli pare..."... Ed io "Ahh ok... allora posso partecipare anch'io... aspetta che mi sposto un po più in la che io son un po bassino non vedo nulla..."

E cosi chiedo ad altri ottenendo nel 90% dei casi queste simili risposte.

La stessa cosa capita in questo periodo con il circo. Tutti che protestano. Così ho voluto vivere un paio di giorni al circo ed allora, sotto forsennata richiesta di mio figlio, sono andato ad uno spettacolo con lui e mia moglie. 

Il Circo Acquatico Bellucci

Ho seguito lo spettacolo delle 17 e, alla fine, ho chiesto alla titolare, la gentilissima Sandy Medini, se potevo avere il permesso per accedere al circo l'indomani e scattare qualche foto. La risposta secca di Sandy: "Franco mi spiace, la mattina generalmente non ci svegliamo prestissimo, per recuperare un pò, ma hai libero accesso quando vuoi; Angelica però è la prima che si sveglia, ed andrà ad accudire gli animali, chiederò a lei darti il benvenuto, poi man mano che ci svegliamo conoscerai tutti".
Bhe, mi sembra ovvio che sia un'ospitalità sopraffina.

E così l'indomani arrivo all'incontro con la bella Angelica, "Exotic bird consultant, sea mammal and bird trainer", ...mica una qualunque, alla quale prima faccio qualche domanda e chiedo del suo interesse per gli animali. Scopro così che è vero amore.


Gli animali

Angelica mi ha fatto fare un tour della zona dove vivono e riposano gli animali.
Gli animali vengono trasportati con tir e grandi rimorchi attrezzati a mantenere le condizioni ambientali necessarie agli animali e, quando questi sostano nell'area precedentemente induviduata, vengono allestite delle aree attorno ad essi dove questi possono uscire all'aria. Si allestice anche una piscina per gli animali che hanno bisogno di umidità e acqua come il leone marino e i pinguini e altri. Viene allestisto un campo adatto al pascolo dell'ippopotamo, ricreando zone del terrenno più fangose ed altre meno. Poi Angelica mi ha presentato il piccolo cucciolo che ancora non fa uno spettacolo, ma che sta studiando per unirsi presto al gruppo. 

I componenti del circo

Nel frattempo faccio un giro all'interno dell'area, ed inizio a conoscere i primi che si svegliano...

La poetica nonna Hella Swoboda "Medrano" che mi chiama, mi saluta e mi chiede se cortesemente posso trovare i cartoni animati in tv a suo nipote: "Hola ... hola niño", con la quale poi passerò più di un ora a parlare ed ascoltare il ritorno alla sua giovinezza. I signori Medini che mi salutano ma non capiscono subito cosa io ci faccia all'interno del circo. Non si chiedono cosa ci faccia con una fotocamera in mano ma solo chi sia. Poi spiego di aver chiesto a Sandy, loro figlia, e così mi proiettano un sorriso di benvenuto. Nel frattempo tornano anche i ragazzi che al mattino fanno il giro delle nostre città, offrendoci i biglietti di ingresso. Quei ragazzi che trovi al semaforo, che finche non li conosci, non apriresti il finestrino per non raffreddare l'abitacolo e a volte se lo apri lo apri di tre dita giusto per far entrare i biglietti e farli passare oltre. Non avrei mai immaginato che dietro quei ragazzi ci siano artisti teatrali, artisti laureati alle varie Accademie delle Arti Circensi. Ognuno specializzato in diverse arti, dalla giocoleria al contorsionismo, artisti aerei, direttrici artistici e di spettacolo. Insomma man mano tornano tutti, è ormai l'ora degli allenamenti.


Le sorelle Medini

Poi le sorelle Medini, Sandy e Jennifer, sempre molto cordiali, simpatiche, sorridenti e il fratello Sonny, sempre cordiale, ma meno sorridente. Ancora non ha capito chi io sia e cosa faccio li con loro, comunque, visto che mi vede parlare con gli altri e girare indisturbato, per un pò trattiene la domanda.
Si va così a pranzo e Sandy mi invita nella sua casa. Mi coglie impreparato perchè non era mia intenzione fermarmi molto tempo ed avevo già mangiato due panini e un pezzo di pizza; mi sentivo però un po scortese nel rifiutare. Così accetto l'invito di fargli solo compagnia durante il pranzo. Mi riprometto comunque di incontrarla di nuovo e capire se è brava anche nell'arte della cucina. Finito il pranzo si va a brindare e festeggiare il compleanno della piccola di Sonny che, ancora una volta, mi vede li, con loro e così fissandomi esclama: " Scusami, ma io non ho ancora capito... chi sei e a cosa servono queste foto..." Ed io li, imbarazzato, a trovare parole impossibili per spiegare che a noi piace fotografare senza un reale motivo e senza uno scopo prefissato... Bhe alla fine,liberandomi dall'imbarazzo, qualcuno esclama: "Ragazzi visto che oggi abbiamo il fotografo, facciamoci un ritratto di famiglia..."

Senza sosta

Ancora un po di riscaldamento, allenamenti, qualche prova dei numeri vecchi e la preparazione dei numeri nuovi per gli spettacoli futuri e ci si comincia a preparare di nuovo, perchè sono ormai quasi le 17.00 e lo spettacolo riprende, fino a sera quando tutti saranno di nuovo stanchi. Il circo si dimostra ai miei occhi mai statico, non solo fisicamente, ma anche nell'organizzazione degli spettacoli, per stupire i più piccoli e i più grandi, non accentrato sulla presentazione dei soli animali, ma ne richiede la compartecipazione. Il circo non è quello che si racconta all'esterno del tendone, ma lo si vive solo dentro. Per questo non fidatevi di ciò che si dice al difuori, ma senza preconcetti andate a scoprire cosa c'è dentro e se volete saperne di più personalmente, fate come me, chiedete di vivere "Un giorno al circo".


Sandy

Si è diplomata all'Accademia del Circo di Verona come trapezista e verticalista. Oltre ad esibirsi nello spettacolo, si occupa della regia dello spettacolo e della direzione artistica del programma cercando di unire alla tradizione circense altre arti quali la recitazione il mimo e la danza molto vicine al cosiddetto "nouveau cirque", così da proporre uno spettacolo insolito e moderno in grado di soddisfare tutte le fasce di età. Puntando sempre sull’innovazione e alla ricerca dell’originalità.

Sonny

Dopo un lungo periodo passato all'estero, è tornato a fare parte dello staff dell'Acquatico Bellucci nel 2008. Diplomato anche lui all'Accademia di Cesenaico, ottimo acrobata, oltre a collaborare nella direzione del circo, si esibisce all'interno dello spettacolo con un numero di giocoleria.


Jennifer

Si esibisce in varie specialità nel campo artistico, dopo aver frequentato anch'essa l'Accademia d'Arte Circense di Verona ed essere divenuta una abilissima antipodista ed agile trapezista. Alla continua ricerca di novità e stimoli, Jennifer si rivela un'artista completa e versatile oltre che una risorsa indispensabile per un complesso moderno e all'avanguardia come l'Acquatico Bellucci.

Il gruppo

Nel gruppo ci sono ancora altri acrobati di ottime qualità, comeRiccardo Massidda, Maurizio Loddo, Michele Pagnotta, Daniel Capitanescu e la già citata Angelica Helgesson...

Il ritmo dello spettacolo, l'organizzazione del circo, dalla pubblicità al montaggio, ai trasferimenti sono resi possibili grazie all'ottima squadra che affianca la famiglia Bellucci Medini... veramente grandi! La collaborazione sul palcoscenico è rafforzata dalla professionalità di Ivo e Mitica, due importanti pirati del circo.


Di tutta l'erba un fascio

Purtroppo si tende a generalizzare una categoria, e rendere icona di essa qualche eccezionione...
e sicuramente anche in questa, come in ognuna, ci saranno le eccezioni. Per questo è utile non aggregarsi alle opinioni generali, ma farsene una propria e cercare di evitare concetti puramente moralistici.
Andate al circo e chiedete tutto ciò di cui siete curiosi e che volete sapere... Saranno lieti di raccontare...

 

Da qui la rivoluzione del circo...

La pubblicazione del 07/02/2013 di CircusFans http://www.circusfans.net/news/?view=12891 , darà inizio ad una apertura del circo , dapprima il Bellucci, seguito poi da tutta la comunità circense, ai visitatori al difuori degli orari dello spettacolo, per farvi conoscere meglio gli animali e la vita circense...