Religione e gente di Kathmandu, nepal

La religione

 

 

Intensa e molto vissuta. Uno dei suoi simboli sono le bandiere di preghiera. Sono uno dei modi con cui i nepalesi, di ogni religione, onorano i loro dei; sono esposte, numerose e disposte in lunghe file, nei templi ma anche nelle case più modeste e arricchiscono di colore il panorama di ogni luogo. Uno dei tanti strumenti di devozione che caratterizza la religione nel paese.


L' intensità....

 

 

... nella preghiera di una anziana, in un tempio di Katmandu, sotto le festanti bandiere di preghiera che caratterizzano la religione dell'area.


La luce ...

... in un luogo di preghiera semplice ma raccolto, povero ma suggestivo, all'interno di un grande tempio.


Un Sadhu ...

 

 

..tra sacro e profano. I sadhu sono asceti hindu che hanno abbandonato tutto per dedicarsi alla ricerca spirituale; girano seminudi, con il corpo cosparso di cenere e i capelli arruffati. In questo caso, l'asceta si sta truccando e preparando per una giornata di preghiera (?) e di raccolta di elemosina; benedizioni, ma anche foto, devono essere infatti pagate. Questo mi ha ricordato i centurioni romani    al Colosseo, fotografabili a pagamento, ma certamente non sono tutti uguali.


All'alba ...

 

 

... dal tempio di Swayambhunath, uno dei più importanti di Katmandu; prima delle 6 del mattino, con la prima luce e il sole ancora nascosto, il tempio è già affollato da un elevato numero di fedeli; a quell'ora, pochi, per fortuna, i turisti. Una foto scattata appena il sole si è alzato.


Monaco e Ruote ...

 

 

... di preghiera. Esistono ruote di diverso tipo e dimensione; mentre si recitano i mantra, le ruote vengono girate rigorosamente in senso orario, così come si cammina intorno i templi; solo i seguaci di un'antica fede, precedente il buddismo (bon) possono farlo nel senso opposto. Questa è una foto emblematica, delle molte scattate.


Le rive del Bagmati ...

 

 

... il fiume sacro del Nepal. Una foto particolare. Qui vengono cremati i corpi dei defunti, nella parte meridionale del Tempio di Pashupatinath. Alcuni con me hanno fotografato i corpi pronti per la cremazione, prima e dopo che venivano bruciati sulle pire. Io ho ritenuto di non farlo, per rispetto dei parenti ma anche per una partecipazione al dolore, tangibile, che veniva esternato dai presenti; ho solo fatto questo scatto, da lontano, per portare comunque una testimonianza di una mattinata veramente diversa dal solito. La donna, dopo aver toccato il proprio caro, tocca anche le acque "sante" del fiume.


Un monaco ...

... guarda assorto il Tempio e i pellegrini che lo affollano.